Esercito Italiano: pubblicato il Bando 2019 per il Reclutamento di 8000 unità








Il Ministero della Difesa ha indetto un Concorso Pubblico per 8.000 volontari in ferma prefissata di 1 anno. Il reclutamento avrà luogo in 4 blocchi, il primo dei quali avrà decorrenza dal 18 dicembre 2018 e terminerà il 16 gennaio 2019. L’ultimo e quarto blocco terminerà il 2 Ottobre 2019.

Volontari in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nell’Esercito Italiano

Per il 2019 è indetto il reclutamento nell’Esercito di 8.000 VFP 1, ripartiti nei seguenti quattro blocchi di incorporamento:

1° Blocco:

  • presentazione domande: dal 18 dicembre 2018 al 16 gennaio 2019.
  • Successiva attività concorsuale: Verifica requisiti di partecipazione e valutazione dei titoli di merito.
  • incorporazione vincitori: maggio 2019.

2° Blocco:

  • presentazione domande: dal 25 febbraio 2019 al 26 marzo 2019.
  • incorporazione vincitori: settembre 2019.

3° Blocco:

  • presentazione domande: dal 21 maggio 2019 al 19 giugno 2019.
  • incorporazione vincitori: dicembre 2019.

4° Blocco:

  • presentazione domande: dal 3 settembre 2019 al 2 ottobre 2019.
  • incorporazione vincitori: marzo 2020.









È ammessa la presentazione di domande di reclutamento per più blocchi, e nel rispetto delle date di scadenza stabilite per ognuno di essi. Per ogni blocco, è possibile chiedere di partecipare sia per i posti previsti per l’incarico principale di “Elettricista Infrastrutturale”, “Idraulico Infrastrutturale”, “Muratore”, “Operatore Equestre”, “Falegname”, “Meccanico di mezzi e piattaforme” e “Fabbro” che per i posti per l’incarico principale che sarà assegnato/a dalla Forza Armata.

Requisiti di partecipazione

Possono partecipare al reclutamento coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  1. cittadinanza italiana
  2. godimento dei diritti civili e politici;
  3. aver compiuto il 18° anno di età e non aver superato il giorno del compimento del 25° anno di età;
  4. non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
  5. non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una Pubblica Amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di Pubbliche Amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia, a esclusione dei proscioglimenti a domanda, per inidoneità psico-fisica e mancato superamento dei corsi di formazione di base di cui all’articolo 957, comma 1, lettera e-bis del Codice dell’Ordinamento Militare;
  6. aver conseguito il diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore). L’ammissione dei candidati che hanno conseguito un titolo di studio all’estero è subordinata all’equipollenza del titolo stesso rilasciata da un qualsiasi ufficio scolastico regionale o provinciale, con riportato il giudizio sintetico (ottimo, distinto, buono, sufficiente) o la votazione;
  7. non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  8. aver tenuto condotta incensurabile;
  9. non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  10. idoneità psico-fisica e attitudinale per l’impiego nelle Forze Armate in qualità di volontario in ferma prefissata di un anno, conformemente alla normativa vigente alla data di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana;
  11. esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool e per l’uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico;
  12. non essere in servizio quali volontari nelle Forze Armate.

Valutazione dei titoli di merito

La commissione valutatrice redige le graduatorie sommando tra loro i punteggi dei seguenti titoli di merito:

  • giudizio o votazione conseguiti nel diploma di istruzione secondaria di primo grado:
    – ottimo, ovvero voto di 10/10 o 9/10: punti 4;
    – distinto, ovvero voto di 8/10: punti 3;
    – buono, ovvero voto di 7/10: punti 2;
    – sufficiente, ovvero voto di 6/10: punti 1;
  • diploma di laurea magistrale/specialistica: punti 12;
  • diploma di laurea triennale, non cumulabile con il punteggio di cui alla precedente lettera b): punti 10;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado (quinquennale), non cumulabile con il punteggio di cui alle precedenti lettere b) e c):
    – con votazione da 60/100 a 69/100: punti 6;
    – con votazione da 70/100 a 79/100: punti 7;
    – con votazione da 80/100 a 89/100: punti 8;
    – con votazione da 90/100 a 100/100: punti 9;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado (quadriennale, esclusivamente per il liceo artistico indirizzo architettura), non cumulabile con il punteggio di cui alle precedenti lettere b), c) e d):
    – con votazione da 60/100 a 69/100: punti 5;
    – con votazione da 70/100 a 79/100: punti 6;
    – con votazione da 80/100 a 89/100: punti 7;
    – con votazione da 90/100 a 100/100: punti 8;
  • diploma di istruzione secondaria (triennale) o diploma di qualifica (triennale), non cumulabile con il punteggio di cui alle precedenti lettere b), c), d) ed e):
    – con votazione da 60/100 a 69/100: punti 1;
    – con votazione da 70/100 a 79/100: punti 2;
    – con votazione da 80/100 a 89/100: punti 3;
    – con votazione da 90/100 a 100/100: punti 4;
  • brevetto di paracadutista militare: punti 3;
  • abilitazione al lancio con paracadute, non cumulabile con il brevetto di cui alla precedente lettera g): punti 1,5;
  • attestato di bilinguismo italiano-tedesco (riferito a livello non inferiore al diploma di istruzione secondaria di primo grado, di cui all’articolo 4 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n.752 e successive modifiche): punti 2;
  • aver svolto per almeno 12 mesi servizio militare, a qualunque titolo e senza demerito, nell’Esercito: punti 2.

Candidarsi al Concorso

Le procedure di reclutamento vengono gestite tramite il portale dei concorsi on-line del Ministero della Difesa (da ora in poi “portale”), raggiungibile attraverso il sito internet www.difesa.it, area “siti di interesse e approfondimenti”, pagina “Concorsi e Scuole Militari”, link “concorsi on-line” ovvero collegandosi direttamente al sito “https://concorsi.difesa.it”.

Per usufruire dei servizi offerti dal portale, i candidati dovranno essere in possesso di credenziali rilasciate da un gestore di identità digitale nell’ambito del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) ovvero di apposite chiavi di accesso che saranno fornite al termine di una procedura guidata di accreditamento necessaria per attivare il proprio univoco profilo nel portale medesimo.

Bando di Concorso

Per leggere l’intero bando di concorso clicca qui. Altri dettagli sono disponibili nella pagina dedicata al Concorso a questo link.

Precedente Enel: nuove assunzioni in Italia nel 2019 Successivo Polizia Locale: uscito il Concorso per Agenti. Si Richiede la Patente B